Tu sei qui: Home Notizie SIA -IL SOSTEGNO PER L’INCLUSIONE ATTIVA

SIA -IL SOSTEGNO PER L’INCLUSIONE ATTIVA

Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate, nelle quali siano presenti persone minorenni, figli disabili o una donna in stato di gravidanza certificata (almeno al quinto mese di gravidanza).

 

SIA IL SOSTEGNO PER L’INCLUSIONE ATTIVA

 

 

 

COSA È

 

Il Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate, nelle quali siano presenti persone minorenni, figli disabili o una donna in stato di gravidanza certificata (almeno al quinto mese di gravidanza).

 

 

 

DESTINATARI

 

Famiglie con presenza di figli minorenni, figli disabili o donna in stato di gravidanza accertata e in condizioni disagiate, con ISEE uguale o inferiore ai 3.000 euro.

 

Nessun componente del nucleo deve essere beneficiario:

 

  • della NASPI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego), ex indennità di disoccupazione;

  • dell’ASDI, cioè dell’assegno di disoccupazione riconosciuto a coloro che, dopo aver percepito l'indennità di disoccupazione per la sua intera durata (NASPI), non hanno trovato un nuovo impiego e si trovano in una condizione di particolare disagio economico;

  • di altri strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati o della carta acquisti sperimentale;

  • di trattamenti economici superiori a 600 euro mensili.

 

Inoltre, nessun componente del nucleo familiare deve avere acquistato un’automobile nuova (immatricolata negli ultimi 12 mesi) o che non possieda un’automobile di cilindrata superiore a 1.300 cc o un motoveicolo di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati negli ultimi 36 mesi.

 

 

 

OBIETTIVO

 

L’obiettivo è aiutare le famiglie a superare la condizione di povertà e riconquistare gradualmente l’autonomia.

 

 

 

REQUISITI

 

Il SIA nel 2016 sarà erogato ai nuclei familiari in possesso dei seguenti requisiti:

 

  • requisiti familiari: presenza di almeno un componente di minore età o di un figlio disabile, ovvero donna in stato di gravidanza accertata (almeno al quinto mese di gravidanza);

 

 

 

  • residenza: essere residenti in Italia da almeno 2 anni al momento della presentazione della domanda;

 

 

 

  • cittadinanza:

 

  • essere cittadino italiano

  • essere cittadino comunitario

  • essere familiare di cittadino italiano o comunitario, non avente la cittadinanza di uno Stato membro, che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente

  • cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE di lungo periodo

  • titolare di protezione internazionale;

 

 

 

  • requisiti economici:

 

  • ISEE uguale o inferiore ai 3.000 euro

 

I requisiti di accesso saranno verificati sulla base dell’ISEE in corso di validità.

 

Se nel nucleo è presente un minorenne sarà considerato l’ISEE per prestazioni rivolte a minorenni.

 

In assenza di minorenni nel nucleo sarà considerato l’ISEE ordinario.

 

In presenza di ISEE corrente sarà comunque considerato quest’ultimo.

 

L'INPS non procederà alla valutazione della domanda in assenza di una attestazione ISEE in corso di validità.

 

Come sopra ricordato, per accedere al SIA è inoltre necessario:

 

  • che nessun componente il nucleo sia già beneficiario della NASPI, dell’ASDI, o di altri strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati o della carta acquisti sperimentale;

  • che i beneficiari non ricevano già trattamenti superiori a 600 euro mensili;

  • che non abbiano acquistato un’automobile nuova (immatricolata negli ultimi 12 mesi) o che non possiedano un’automobile di cilindrata superiore a 1.300 cc o un motoveicolo di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati negli ultimi 36 mesi.

 

I requisiti di accesso saranno verificati sulla base dell’ISEE in corso di validità.

 

 

 

  • valutazione del bisogno: da effettuare mediante una scala di valutazione multidimensionale che tiene conto dei carichi familiari, della situazione economica e della situazione lavorativa, in base alla quale il nucleo familiare richiedente deve ottenere un punteggio uguale o superiore a 45.

 

 

 

EROGAZIONE

 

La domanda, dopo le verifiche effettuate dall'unione dei Comuni, sarà inviata ad INPS per i successivi controlli, la valutazione e l'eventuale concessione o meno del beneficio.

 

Il sostegno economico verrà erogato attraverso l’attribuzione di una carta di pagamento elettronica, rilasciata da POSTE ITALIANE, utilizzabile per l’acquisto di beni di prima necessità.

 

Il beneficio è concesso al massimo per un anno con accredito bimestrale sulla carta.

 

Le carte vengono rilasciate dalla Posta.

 

L’ importo varia in base alla numerosità del nucleo familiare:

 

1 membro 80 euro mensili

 

2 membri 160 euro mensili

 

3 membri 240 euro mensili

 

4 membri 320 euro mensili

 

5 o più membri 400 euro mensili

 

 

 

Dall’ammontare del beneficio sono dedotte eventuali somme erogate ai titolari di altre misure di sostegno al reddito (Carta acquisti ordinaria, incremento del Bonus bebé). Per le famiglie che soddisfano i requisiti per accedere all’Assegno per il nucleo familiare con almeno tre figli minori, il beneficio sarà corrispondentemente ridotto a prescindere dall’effettiva richiesta dell’assegno.

 

 

 

Il PROGETTO DI ATTIVAZIONE SOCIALE /CONDIZIONALITÀ

 

Il sussidio è subordinato all'adesione ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa che sarà predisposto entro 60 giorni dall’accreditamento del primo bimestre. Transitoriamente per le richieste di beneficio pervenute entro il 31/10/2016 i progetti personalizzati possono riguardare il 50% dei beneficiari ed essere predisposto entro 90 giorni ed inviati entro 120 gg. all'INPS.

 

Il progetto è predisposto dal servizio sociale in rete con i servizi del territorio, in particolare con il Centro per l'Impiego.

 

Il progetto coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare e prevede specifici impegni per adulti e bambini, che sono individuati sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni. Le attività previste nel progetto possono riguardare i contatti con i servizi, la ricerca attiva di lavoro, l’adesione a progetti di formazione, la frequenza e l’impegno scolastico, la prevenzione e la tutela della salute.

 

Il sussidio sarà sospeso in caso di mancata adesione al progetto e in caso di reiterati comportamenti inconciliabili con gli obiettivi del progetto da parte dei componenti del nucleo familiare beneficiario.

 

Il sussidio sarà sospeso anche per il mancato invio del progetto.

 

 

 

Per info e acquisizione della normativa di riferimento e della modulistica vedere il sito dell'INPS: www.inps.it.

 

Per info e acquisizione della modulistica rivolgersi presso gli Uffici dei Servizi Sociali dei Comuni e dell'Unione dei Comuni del Casentino. La documentazione sarà, inoltre, messa a disposizione nei siti comunali e dell'Unione dei Comuni (www.uc.casentino.toscana.it).

 

 

 

Info:

 

Unione dei Comuni del Casentino - Via Roma, n. 203 Ponte a Poppi - Tel. 0575 507286

 

Azioni sul documento